BENICULTURALI: IL MINISTRO BONISOLI DURANTE L'INCONTRO CON LE OO.SS. CONFERMA: NO ALLE FONDAZIONI!!!! NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DEI MUSEI!!!! NO AI VOLONTARI SOTTOPAGATI E SENZA DIRITTI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI…. E' PREFERIBILE CHIUDERLI!!!!!!!!

NO ALLE FONDAZIONI!!!! NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DEI MUSEI!!!!

NO AI VOLONTARI SOTTOPAGATI E SENZA DIRITTI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI…. E’ PREFERIBILE CHIUDERLI!!!!!!!!
NO AI CONSIGLI DI AMMINASTRZIONE NEGLI ISTITUTI CON AUTONOMIA SPECIALE!!!!
SI ALLA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALI PUBBLICO!!!!
SI AL CONTROLLO CENTRALE DELLE ATTIVITA’ PERIFERICHE A PARTIRE DALL’ISTITUZIONE DELLA NUOVA DIREZIONE GENERALE DEGLI APPALTI!!!!

SI ALL’IMPEGNO PER UNA POSSIBILE REINTERNALIZZAZIONE DI ALCUNI SERVIZI, ATTIVITA’ E LAVORATORI ALL’INTERNO DELLA SOCIETA’ ALES S.p.a., SOCIETA’ IN HOUSE DEL MIBAC A TOTALE PARTECIPAZIONE PUBBLICA!!!!

Roma -

BENICULTURALI: IL MINISTRO BONISOLI DURANTE L’INCONTRO CON LE OO.SS. CONFERMA: NO ALLE FONDAZIONI!!!! NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DEI MUSEI!!!! NO AI VOLONTARI SOTTOPAGATI E SENZA DIRITTI PER LA GESTIONE DEI SERVIZI…. E’ PREFERIBILE CHIUDERLI!!!!!!!! NO AI CONSIGLI DI AMMINASTRZIONE NEGLI ISTITUTI CON AUTONOMIA SPECIALE!!!! SI ALLA TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALI PUBBLICO!!!! SI AL CONTROLLO CENTRALE DELLE ATTIVITA’ PERIFERICHE A PARTIRE DALL’ISTITUZIONE DELLA NUOVA DIREZIONE GENERALE DEGLI APPALTI!!!! SI ALL’IMPEGNO PER UNA POSSIBILE REINTERNALIZZAZIONE DI ALCUNI SERVIZI, ATTIVITA’ E LAVORATORI ALL’INTERNO DELLA SOCIETA’ ALES S.p.a., SOCIETA’ IN HOUSE DEL MIBAC A TOTALE PARTECIPAZIONE PUBBLICA!!!!

 

CHE LA “SALA DI REGIA” PER QUANTO RIGUARDA LE ATTTIVITA’ DELLA SOCIETA’ ALES, HA INZIATO I LAVORI, IN PRIMO LUOGO STA MONITORANDO LE NECESSITA’DI SERVIZI E PERSONALE DA IMPIEGARE PRESSO IL MiBAC NELL’ATTESA DELLE NUOVE ASSSUNZIONI PROGRAMMATE. DOPO DI CHE IL GRUPPO DI LAVORO ENTRERA’ NEL MERITO DELLA NUOVA ORGANIZZAZIONE SOCIETARIA COMPRESA LA DISCUSSIONE SULLA POSSIBILITA’ DI RIVEDERE L’ATTUALE CCNL DEL COMMERCIO CHE VIENE APPLICATO AI DIPENDENTI CHE NULLA A CHE VEDERE CON LE FUNZIONI E MANSIONI CHE SVOLGONO, GLI STESSI, PRESSO I VARI ISTITUTI DEI BENI CULTURALI. Dichiarazione quest’ultima condivisa anche dal Ministro.

Abbiamo chiesto al Ministro di rivedere la convenzione stipulata con Consip ed inserire la clausola sociale a difesa di tutte/i i lavoratori che lavorano presso le società private nei beni culturali che sono sottoposti a continui cambi di appalti e contratti a perdere. Il Ministro si è impegnato.

USB P.I. APPREZZA E CONDIVIDE LE “PAROLE D’ORDINE” DEL MINISTRO, SPESSO RIVENDICATE DALLA NOSTRA O.S. E I PRINCIPI GENERALI DEL NUOVO REGOLAMENTO. RIMANE IN ATTESA DELLA CONVOCAZIONE AL TAVOLO TECNICO PER IL CONFRONTO SUI DECRETI ATTUATIVI DELLA “RIFORMA”. Continuerà la “battaglia sindacale” sulla stabilizzazione dei 33 tecnici della cultura, sullo scorrimento della graduatoria dei c.d. funzionari ombra e RIPESCARE quei numeri rimasti fuori dalla partecipazione ai concorsi banditi dal nostro ministero che fanno riferimento ai 500 GIOVANI per la cultura ai quali il Mibac ha fatto corsi di formazione rendendoli idonei alle attività di ricerca e valorizzazione del patrimonio culturale.

In riferimento ai capitoli di spesa degli istituti siamo stati informati dal Ministro della possibilità di poterli aumentare come di seguito: 500.000,00 Euro per le Biblioteche Archivi e Soprintendenze, quest’ultime dal 2022 avranno il tetto 1.000.000,00 di Euro, mentre gli istituti dotati di Autonomia speciale avranno un tetto di spesa di Euro 2.000.000,00 e dal 2022, 5.000.000,00 di Euro. La pubblicazione dei bandi di concorso per i 1052 assistenti alla vigilanza ed accoglienza sarà pubblicato entro il mese di luglio c.a. Ovviamente faremo una campagna di informazione attraverso il nostro sito sindacale.

Abbiamo ribadito come USB P.I. la nostra contrarietà a partecipare a qualsiasi tavolo sindacale convocato dal Ministro “sovranista e non solo” che oltre a non avere il titolo istituzione per discutere sulle materie economiche e delle lavoro è colui che è contro le politiche di accoglienza umanitaria e reprime con metodi autoritari coloro che manifestano e lottano per i diritti, la libertà, la democrazia e il rispetto della Carta Costituzionale.

 

USB SINDACATO ANTIFASCISTA E SEMPRE DALLA PARTE DEI LAVORATORI

ADERISCI ALLA CAMPAGNA DI ADESIONE ALLA NOSTRA O.S.

INSIEME SIAMO IMBATTIBILI